Bioeconomia

CHIMICA VERDE DALL’AGRICOLTURA PER L’AGRICOLTURA

La Bioeconomia è considerata dai governi di Europa, Stati Uniti e Cina Popolare la via maestra per garantire alle future generazioni sviluppo sostenibile, sicurezza alimentare e minore dipendenza dalle fonti fossili di energia.

La Bioeconomia riguarda la trasformazione di risorse biologiche rinnovabili e di rifiuti biodegradabili in prodotti a valore aggiunto quali alimenti, mangimi, bioenergie, intermedi chimici e bioprodotti. E’ un complesso di attività che ha il suo fulcro nell’agricoltura e che in Europa genera un fatturato di circa 2.000 miliardi di euro e dà lavoro a 22 milioni di persone.

La Chimica Verde è il settore più innovativo della Bioeconomia e rappresenta una grande sfida ecologica e una grande occasione di rilancio economico per l’Italia e per l’Europa. La Chimica Verde utilizza materie prime rinnovabili di origine agricola per realizzare una nuova generazione di prodotti e composti chimici a basso impatto per l’ambiente e per la salute.

L’Italia vanta riconosciute punte di eccellenza nella Chimica Verde e un indotto di attività in notevole crescita.

La manifestazione “Chimica Verde dall’agricoltura e per l’agricoltura”, promossa da CremonaFiere e dall’associazione Chimica Verde Bionet, intende evidenziare le opportunità tecniche ed economiche che questa nuova generazione di prodotti mette specificamente a disposizione delle attività agricole e agroalimentari. A titolo di esempio i temi espositivi principali della manifestazione sono:

  • mezzi tecnici di origine biologica per l’agricoltura
  • materiali biodegradabili e compostabili
  • biopolimeri derivati da scarti agricoli o da digestione anaerobica
  • imballaggi
  • biolubrificanti per macchine agricole
  • biometano

L’esposizione è aperta a prodotti, tecnologie di processo e componentistica.
Una sezione specifica è dedicata ai prototipi e ai progetti di sviluppo.
Per quanto riguarda i prodotti in esposizione, i criteri di ammissibilità sono:

  • dichiarazione sul contenuto bio-baed del prodotto, ossia sulla % di materie prime rinnovabili contenute nel prodotto finito;
  • dichiarazione sul tipo di materie prime rinnovabili utilizzate e sulla loro origine;
  • dichiarazione sulla biodegradabilità o riciclabilità del prodotto;
  • dichiarazione sulla bassa tossicità per l’uomo e per l’ambiente.
AmbienteQuotidiano.it
Maggioli Editore
Guida Biomasse Bio-Gas
Nonsoloambiente.it
Regioni & Ambiente
L’Ambiente
Recycling
HTA
Alternativa Sostenibile
Eco
Edilcamp
IdeeGreen
La Nuova Ecologia
allevamento

Direttiva Nitrati, confronto Ministero-Regioni per la produzione e l’utilizzo del digestato

Pubblicato il 18 settembre 2014

Lo scorso 5 agosto il ministro per le Politiche agricole Maurizio Martina e il collega titolare del dicastero all’Ambiente, Gianluca Galletti, hanno preso parte alla riunione del Tavolo di lavoro sui nitrati a cui hanno partecipato anche i rappresentanti delle Regioni maggiormente interessate all’attuazione della Direttiva nitrati. Durante l’incontro, si legge in un comunicato diffuso » Continua

bioplastica

Le bioplastiche conquistano anche la Coca Cola

Pubblicato il 2 settembre 2014

Parte la corsa delle bioplastiche. Inizia così l’articolo apparso sul sito Repubblica.it del 4 agosto scorso firmato da Antonio Cianciullo. Nel testo, l’autore sottolinea che addirittura la Coca Cola “entra in pista con 2,5 miliardi di bottiglie già distribuite in nove Paesi e l’obiettivo di completare la sostituzione di quelle in vetro entro il 2020”. » Continua

agroenergie

Una strategia-Paese per incrementare le agroenergie

Pubblicato il 25 luglio 2014

Un Piano strategico per le agroenergie. E’ quello che auspica Antonio Boschetti, direttore dell’Informatore Agrario, firmando l’’editoriale del Supplemento “Energia rinnovabile” uscito con il numero 27 della rivista da lui diretta. Secondo Boschetti gli incentivi dovranno essere garantiti almeno per un nuovo triennio avviando una trattativa incentrata sull’obiettivo di consentire agli agricoltori di integrare il » Continua

Vedi tutte